Depenalizzazione dei reati minori, passo avanti in Parlamento

da La Gazzetta del Sud del 22.4.99

ROMA La commissione Giustizia della Camera ha approvato quasi all'unanimità e senza modifiche rispetto al testo del Senato il disegno di legge che prevede la depenalizzazione dei reati minori. Il provvedimento dovrà ora passare all'esame della Camera. È uno dei provvedimenti centrali per il processo riformatore e, si spera, dovrebbe riuscire a comprimere di circa il 30% il carico di lavoro delle ex preture. Il ddl prevede in sintesi: - che venga attribuita al giudice di pace la competenza in materia di opposizione all'ordinanza-ingiunzione; - che vengano trasformati in illeciti amministrativi i reati legati alla produzione e commercializzazione di bevande e alimenti; alla disciplina della navigazione e alla circolazione stradale. E fattispecie particolari come l'abigeato; il saluto fascista; l'emissione di assegni a vuoto; - che vengano depenalizzate anche alcune fattispecie di reati finanziari e tributari; - che venga riformata la disciplina che regola il pagamento di imposte sui redditi e sul valore aggiunto; - che il Governo adotti entro otto mesi dall'entrata in vigore della legge un ddl in materia di sanzioni alternative alla detenzione per alcuni reati specifici.